Bocciare

Bocciare
Torna di moda.
La spinta per creare la scuola per tutti i cittadini sembra esaurita.
Si è infranta di fronte all’incapacità  a innovare, a cambiare le metodologie in profondo, ad analizzare  i mutamenti.
Si apprezza esattamente quello che la scuola di tutti non dovrebbe fare: respingere.
Si valuta come un merito quello che dovrebbe essere uno strumento residuale, da usare in casi particolari, limitatamente.
La scuola che fallisce assurge all’onore della scuola che funziona. Questo è lo scenario verosimile che ci aspetta.
Io continuerò a lavorare perché ciò non accada, impegnandomi per una scuola di tutti che funzioni davvero, che dia reali apprendimenti.
Chi fosse interessato ….
16 luglio 2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.